Ambiente. Cammarano (M5S): "Inquinamento fiume Sele. La Regione Campania cosa fa?"

“Ci preoccupano le condizioni del fiume Sele e ancora di più ci preoccupa il silenzio assordante della Giunta De Luca che a distanza di quasi un anno non ha trovato il tempo di dare risposte ai cittadini”.

L’affondo è del consigliere regionale del MoVimento 5 Stelle Michele Cammarano che dopo aver presentato un’interrogazione, lo scorso 4 luglio, sull’inquinamento del fiume Sele, di fronte alle sollecitazioni dei comitati civici e associazioni ha depositato una richiesta di audizione in III Commissione speciale per capire lo stato di salute in cui è il corso d’acqua. “Recenti monitoraggi degli scarichi di acque reflue in diversi comuni - sottolinea Cammarano - hanno fatto emergere l’inadeguatezza dei depuratori preposti allo smaltimento degli scarichi urbani e industriali”. “Segnalo che è particolarmente alto il rischio di contaminazione mediante lo scarico di fanghi e acque non trattate nel bacino idrografico del fiume Sele - spiega il consigliere regionale - ad oggi risulta difficoltoso il reperimento dei dati conoscitivi, delle informazioni e delle relazioni aggiornate sullo stato di qualità delle acque”. “E’ diffusa e profonda la preoccupazione per la tenuta complessiva dell’ecosistema - aggiunge - in uno dei luoghi a più alto valore naturalistico della Campania”. “Da alcuni giorni registriamo numerose proteste dei cittadini residenti nelle zone limitrofe del fiume Sele - evidenzia - che segnalano la presenza di schiuma e di liquami di colore marrone nel corso d’acqua”. “Come MoVimento 5 Stelle abbiamo ritenuto giusto anche in previsione dell’estate e delle non risposte della Giunta De Luca - conclude Cammarano - di formalizzare una richiesta di audizione in III Commissione del Consiglio regionale per capire lo stato di salute in cui versa attualmente il Fiume Sele”.