Saiello: “Il bluff della pista ciclabile dal Vesuvio al mare”

“Ci chiediamo che fine abbia fatto il grande progetto che doveva collegare il Vesuvio al mare in bicicletta.

Dodici chilometri di pista ciclabile che dovevano sostituire gli spazi abbandonati del tratto ferroviario dell’ex linea F.S. Cancello-Torre Annunziata, finanziati dai POC regionali per 9 milioni di euro. A oltre 5 anni di distanza, quello che De Luca definì un ‘modello di recupero’, è completamente fermo al palo”. A denunciarlo è il consigliere regionale del Movimento 5 stelle Gennaro Saiello che sul tema ha depositato un’interrogazione alla Giunta regionale. “Doveva essere un’opera di grande impatto che interessava i comuni di San Giuseppe Vesuviano, Terzigno, Boscoreale e Torre Annunziata, con la realizzazione della pista ciclabile e pedonale, affiancata da aree verdi e spazi di aggregazione sociale. Ad oggi, dopo l'inizio dei cantieri, gli stessi sono fermi ormai da mesi e la linea interessata risulta nuovamente in uno stato di abbandono e degrado. Inoltre, nel tratto che insiste sul territorio del comune di Marigliano, sono presenti piccoli manufatti in amianto fortemente inquinanti e pericolosi per la salute pubblica, rispetto ai quali è necessario intervenire con ogni sollecitudine per la messa in sicurezza. Anche a livello nazionale, con il senatore Raffaele De Rosa, abbiamo presentato un’interrogazione parlamentare per sbloccare finalmente il progetto. Intanto - conclude Saiello - constatiamo che gli annunci di De Luca, ancora una volta, vengono smentiti dai fatti”.