Categoria: Articoli home

“Il ministro Speranza chiarisse una volta per tutte la sua idea sui criteri di valutazione dei Livelli essenziali di assistenza.

Da un lato esulta con De Luca perché la Campania è uscita dal commissariamento sulla base dell’attuale griglia Lea, dall’altro lavora per rivoluzionare completamente un sistema che ritiene inappropriato, adeguandolo a requisiti in base ai quali la nostra regione oggi risulterebbe ultima. Le dichiarazioni del ministro della Salute non tengono assolutamente conto di un dossier che gli abbiamo consegnato e illustrato punto per punto nelle scorse settimane sulle criticità e carenze della nostra sanità. Con dati oggettivi e certificati da enti scientifici gli abbiamo rappresentato che in Campania si vive 4 anni in meno che nel resto d’Italia, abbiamo evidenziato la mancata autorizzazione all’esercizio della maggior parte degli ospedali pubblici, la bocciatura totale sugli obiettivi di prevenzione e la totale assenza dell'assistenza territoriale. Dati confermati dal rapporto della Fondazione Gimbe in base al quale la Campania è risultata fanalino di coda tra le regioni che garantiscono le cure ai cittadini”. Lo dichiara la capogruppo regionale del Movimento 5 Stelle e coordinatrice nazionale sanità Valeria Ciarambino. “Dal ministro della Salute ci aspettiamo la massima attenzione non a verificare che carte e numeri siano apposto, ma che il diritto alla salute sia realmente garantito. Invitiamo Speranza a fare un tour con noi negli ospedali della Campania. Lo metteremo al cospetto di quello che non dicono i numeri e gli faremo visitare reparti che non gli farebbero mai vedere durante visite ufficiali. Senza contare che mentre De Luca provò a impedire l’accesso al ministro Grillo in uno degli ospedali campani, all’ospedale di Eboli Speranza è stato accolto con tappeto rosso e tutti gli onori in una sala tinteggiata e controsoffittata in suo onore. Quello stesso ospedale nel quale le camere a pressione negativa, costate un milione, sono chiuse, gli ascensori sono guasti, si registrano gravi carenze igieniche in tutti i reparti e dove, come abbiamo denunciato in un’interrogazione, vi è un’oggettiva carenza di personale sanitario. La sanità campana – conclude Ciarambino - non è quella che De Luca racconta con quattro numeretti in fila o che mostra al ministro facendo ritinteggiare quattro pareti”.