De Luca e Bonavitacola festeggiano il fallimento delle ecoballe

Categoria: Articoli home

"Dopo aver fatto la voce grossa imponendo ai comuni la realizzazione di nuovi siti di stoccaggio in vista dello stop all'inceneritore di Acerra, adesso De Luca e Bonavitacola cercano la strada della responsabilità. Strada che avrebbero dovuto lo per primi perseguire fin dal primo giorno di legislatura invece di pensare agli show propagandistici".

Così i consiglieri del MoVimento 5 Stelle Vincenzo Viglione e Maria Muscarà, membri della Commissione Ambiente. "È incredibile - aggiungono Viglione e Muscarà - usare toni trionfalistici di fronte al fallimento di una legge sui rifiuti che subito ben quattro modifiche in appena tre anni di vita, ultima volta proprio la scorsa settimana con un articolo ad hoc inserito nella finta legge di semplificazione. Per non parlare dell’ennesimo disperato tentativo di confondere le cose mettendo insieme ecoballe e gestione dei rifiuti urbani, che hanno come comune denominatore proprio il fallimento. Entro la fine del 2017 si sarebbero dovute rimuovere le circa 500mila tonnellate di ecoballe appaltate nel 2016, ed invece la stragrande maggioranza giace ancora nei siti di stoccaggio. E con un flop del genere oggi Bonavitacola ha pure il coraggio di cantare vittoria per nuove gare? È evidente che in giunta hanno perso completamente il senso della realtà e in preda alla disperazione più totale, dimostrata dallo stesso presidente De Luca nella sua performance teatrale durante l'ultima seduta di consiglio regionale, pensano di buttarla in propaganda elettorale. Con buona pace dei cittadini che in questi anni aspettavano risposte e hanno trovato solo prese in giro e ulteriori umiliazioni”, concludono.