Le assessore-scolarette di De Luca firmano delibere a loro insaputa

“Le assessore-scolarette di De Luca, che non accennano a dismettere i toni di chi recita a memoria la lezioncina alla cattedra, mostrandosi puntualmente incapaci di affrontare un qualunque ragionamento che devia dalle paginette dei loro libricini, tornassero tra i banchi di scuola per perfezionare le loro discutibili capacità di apprendimento.

Al duo D’Alessio-Fortini, che spaccia per fake news la denuncia del Movimento 5 Stelle sull’ultimo singolare utilizzo di soldi pubblici da parte della giunta di cui si pregiano di far parte, sottraendo risorse destinate a edilizia scolastica e terzo settore per finanziare l’acquisto di un capannone nel quale allocare un mercato florovivaistico, siamo costretti a illustrare il contenuto della delibera in questione che porta la loro firma, ma che evidentemente è stata scritta da altri. E dei cui aspetti le nostre due ingenue scolarette hanno probabilmente appreso soltanto grazie alla nostra denuncia”. Così il capogruppo M5S al Consiglio regionale Gennaro Saiello. “La delibera in questione – precisa Saiello - è la numero 217 del 10 aprile scorso. Letteralmente, con questo atto si dispone l’acquisto di un capannone industriale, con annessa area esterna, di proprietà della Tess Costa del Vesuvio spa (società in liquidazione, partecipata al 51% dalla Regione Campania e sottoposta a procedura di concordato preventivo volontario), per collocarvi un mercato florovivaistico. L’immobile è stato posto all’asta dal Commissario liquidatore nell’ambito della procedura concordataria, con un prezzo a base d’asta di euro 6.403.000. Per la copertura finanziaria dell’eventuale acquisto in caso di aggiudicazione dell’asta, la Giunta dispone una variazione compensativa di 5.500.000 euro, sottraendo la somma dai capitoli di spesa deputati ai contributi regionali sui mutui contratti dagli enti locali per la realizzazione di opere pubbliche nei settori dell’edilizia scolastica, dunque anche in riferimento ad opere di abbattimento di barriere architettoniche (2.653.500), terzo settore, servizio civile e sport (2.359.325,30), tutela dell’acqua e gestione risorse idriche (487.174,70)”. “Questi sono numeri, fatti, atti firmati e licenziati. Per ogni opportuno chiarimento – conclude Saiello - invitiamo le assessore a marinare la scuola per qualche ora e chiedere conto ai tecnici che, a loro insaputa, hanno compilato l’atto e indicato loro il punto in cui appore le rispettive firme. Quanto alla propensione alla caccia ai like di cui Fortini ci accusa, le auguriamo il successo del suo ultimo post pregno di offese e linguaggio violento che non è nostra intenzione rispedire al mittente. Noi siamo quelli del fare. Le chiacchiere le lasciamo agli altri”.


banner newsletter

Error: No articles to display