Vergogna Circum. M5S: "Chiediamo dimissioni del presidente Eav"

“Il presidente De Gregorio nominato ai vertici dell’Eav per meriti di campagna elettorale pro De Luca dovrebbe innanzitutto scusarsi a nome dell’azienda con le migliaia di turisti lasciati irresponsabilmente a piedi e poi, cosa più importante, dovrebbe immediatamente dimettersi per non dire nascondersi”.

Il duro attacco è di Valeria Ciarambino, capogruppo al Consiglio regionale della Campania del Movimento 5 Stelle. “Quello che è accaduto a Pasqua è scandaloso - sottolinea - turisti costretti a tornare a piedi da Pompei a Napoli o peggio costretti a servirsi di trasporti privati. Un interruzione di servizio pubblico che rasenta il codice penale”.  “La Regione Campania si assuma la responsabilità politica di questo sfascio -  evidenzia - nomini all’Eav persone all’altezza dei problemi da risolvere e non i soliti 'amici' di De Luca”. “C’è una volontà chiara di De Luca di non voler mettere mano alla drammatica situazione dei trasporti – denuncia - avevamo proposto al collegato della legge di stabilità l'istituzione di un fondo, con risorse certe, appositamente destinato alla manutenzione e all’ammodernamento dei treni, degli autobus e degli altri mezzi di locomozione su ferro e su gomma, allo stato attuale fuori uso e obsoleti, tra i più vecchi d'Europa”. “Nel fondo chiedevamo di far confluire risorse iscritte nell’ambito della programmazione 2014-2020 dei fondi strutturali comunitari - spiega - in misura non inferiore a 50 milioni di euro annui”. “Il centrosinistra ha recepito la nostra proposta svuotandola - aggiunge - di qualsiasi contenuto e significato, visto che si costituisce il fondo ma non si appostano risorse certe ed i risultati drammaticamente sono sotto gli occhi di tutti”. Sulla stessa linea Tommaso Malerba, consigliere del M5S e membro della Commissione  Trasporti che fa notare: “Giovedì scorso in Commissione Trasporti, il presidente Cascone ci ha chiesto di confrontarci e contribuire a un piano regionale per il trasporto sottolineando la volontà assoluta di De Luca di migliorare e far funzionare il trasporto. In che modo mi chiedo se l'Eav, nel giorno di Pasqua, ha lasciato a piedi migliaia di turisti?”. “Parlano di cultura e rilancio del turismo - afferma Malerba - ma poi si impedisce ai turisti di raggiungere Pompei e gli scavi, uno dei siti più visitati al mondo e patrimonio Unesco”. “Ma di quale opportunità di sviluppo e ricchezza parliamo, se chi dovrebbe gestire il trasporto pubblico non è in grado di organizzare il servizio nel giorno di Pasquetta? - continua - “In tutte le città europee ci si è organizzati per tempo così da garantire il miglior servizio in vista della maxi affluenza di turisti per il ponte di Pasqua”. “In Campania invece no – conclude Malerba - in Campania, terra che ha registrato il boom di presenze, i turisti vengono lasciati a piedi”.